Pantelleria. Il Dammuso e la Ducchena

Inizia oggi una breve serie di post dedicati alla cultura mediterranea, in particolare a Pantelleria. Sfruttando l’occasione di una vacanza a Pantelleria* raccolgo qualche appunto su alcune caratteristiche, tradizioni e storie del Mediterraneo. Il primo appuntamento parla delle abitazioni tipiche di Pantelleria, i dammusi e soprattutto del loro spazio comune, la ducchena.

Sono arrivata da due giorni a Pantelleria e appena vedo la casa dove alloggeremo mi viene subito in mentre uno dei luoghi comuni piu’ ricorrenti sulla cultura mediterranea, la convivialita‘. Se si pensa agli abitanti del Mediterraneo e’ facile immagnarseli mentre condividono il tempo e lo spazio, con familiari e amici ma anche amici di amici e sconosciuti, accompagnando tante chiacchiere con buon cibo e magari uno o piu’ bicchieri di vino.

Se c’e’ una cosa che ho imparato dall’antropologia e’ che non bisogna avere paura di fare ricorso ai luoghi comuni, purche’ si sia in grado di ripercorrerne o ritrovarne le radici. E allora ho fatto una breve ricerca su Google combinando le parole convivialita’ e Mediterraneo e ho scoperto che la convivialita’ è’ effettivamente una componente fondamentale della cultura mediterranaea.

Nel 2010 la Dieta Mediterranea e’ stata infatti riconosciuta patrimonio culturale immateriale dall’UNESCO. L’espressione va ben oltre il cibo. Si legge sul sito dell’UNESCO:

Il termine “Dieta” si riferisce all’etimo greco “stile di vita”, cioè all’insieme delle pratiche, delle rappresentazioni, delle espressioni, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e degli spazi culturali con i quali le popolazioni del Mediterraneo hanno creato e ricreato nel corso dei secoli una sintesi tra l’ambiente culturale, l’organizzazione sociale, l’universo mitico e religioso intorno al mangiare.

Ed è da questa combinazione di spazi fisici, umani e religiosi che scrivo questo post. Davanti a me il sole comincia a sfumarsi e tra poco iniziera’ il suo tuffo arancione nel Mar Mediterraneo. Sono seduta all’esterno del dammuso affittato per questa breve vacanza a Pantelleria. Alle mie spalle la casa in pietra, quasi senza finestre. Saggiamente costruita per garantirne la temperatura ottimale, al riparo dai venti. Sotto il mio tablet un tavolo con piccolo piastrelle colorate in ceramica. Sotto al mio naso il fucsia dei fiori della bouganville che si arrampicano sulla seduta bianca in pietra del portico fuori dal dammuso. Chiamarlo portico non e’ corretto. Quella dove sono seduta e’ la Ducchena che da’ il titolo a questo post. Se non la immaginate eccovi una foto.

Architettura tipica mediterranea
La Ducchena, uno degli spazi conviviali della cultura mediterranea.

La ducchena delimita l’ambiente esterno del dammuso, u passiaturi, la zona di passaggio. L’interno della casa, quando si tratta di un Dammuso tradizionale, e’ molto semplice: la sala da pranzo e cucina e una piccolo rientranza nel muro con il letto, l’alcova. E’ sulle seduta bianche poste all’esterno che si svolge la vita casalinga del turista. Ma e’ qui che si svolge anche la vita dei panteschi, di oggi e di ieri, dopo che si sono terminati i lavori agricoli o le attivita’ quotidiane.

Qui si chiacchiera, si mangia, si beve, ci si intrattiene con i vicini o con il passante. Abbastanza casalingo per essere accogliente, lo spazio della ducchena e’ anche uno spazio esterno alla casa, di cui viene preservata l’intimita’. Ci si potrebbero trascorrere ore, con una leggera brezza che accarezza il corpo, alternando lo sguardo tra il mare, le volte dei dammusi vicini e le foglie delle palme e della bouganville che ondeggiano.

*Tutti i post della serie “Cultura Mediterranea, Pantelleria” non conterranno accenti e apostrofi corretti. Scrivo dall’ipad con una tastiera inglese. Spero che sia il pensiero quello che conta.

una cantastorie vagabonda, antropologa dei media e camminatrice seriale.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: