God Save The Link/4: Prince, il bilinguismo e l’NBA contro la transfobia

Tutto quello che non sapevo su Prince, l’importanza del cibo per il bilinguismo e l’NBA come Bruce Springsteen. 

E cosí è finita la prima settimana di God Save The Link. Prometto che quando arriverò a dieci puntate pubblicheró un post su che cosa vuol dire fare un format quotidiano di 15 minuti su Periscope e continuarlo sul blog.

Nel frattempo ecco il video della quarta puntata. Il format riprende martedí alle ore 14.00 su Periscope.

Quando muore uno famoso: Prince

Tra chi mi vuole bene sono famosa per le mie competenze musicali molto limitate. Quindi mi sono risparmiata la condivisione di rito su Prince. Forse perchè mi vergogno ad ammettere che sono entrata in contatto con il cantante quando in un’edizione di X Factor Chiara Galeazzo ha cantato la sua Purple Rain. Pessima. Mi rendo conto.
Sta di fatto che quando muore uno famoso a volte è anche un’occasione per imparare qualcosa di nuovo. Ecco qui un articolo di Flavorwire che raccogliere quattro articoli su Prince. Ho scoperto che Purple Rain fu anche un musical-movie. E che il NYT nel 1981 lo definí un esempio di “biracism” tanto lui era oltre le etichette. Insomma, meglio tardi che mai.

Come crescere figli bilingui se non si è una coppia bilingue

No, non vi sto propinando l’ennesimo link sulla ricerca accademica di turno che elogia i benefici del bilinguismo per il cervello umano. O meglio, l’articolo pubblicato su OpenCulture Diventare bilingui può dare una spinta al vostro cervello parte ovviamente da una ricerca accademica. Ma aggiunge un dettaglio: sottoporsi a cibi non appartenenti alla tradizione culinaria del paese di origine, focalizzare l’attenzione sulle parole straniere che entrano nel vocabolario di un’altra lingua, guardare film in lingua originale, sono tutte azioni che favoriscono lo sviluppo del cervello in maniera simile a quello dei bambini che hanno genitori che li educano in lingue diverse.

North Carolina e Trans: non solo il Boss

Ha fatto notizia nelle scorese settimane il fatto che Bruce Springsteen abbia cancellato il suo concerto in North Carolina per protesta contro la legge attualmente in discussione nello Stato del Nord America. La legge imporrebbe alle persone transessuali di usare i bagni pubblici in base al loro genere di nascita e non quello di transizione. Ma ho trovato molto interessante che il Commissario dell’NBA Adam Silver abbia minacciato di cancellare la partita dell’All Star Game che si dovrebbe svolgere in North Carolina se dovesse passare la legge. Considerato quanto è difficile e importante una presa di posizione del mondo dello sport a tutela delle persone LGBT, beh, questa è una grande notizia.

una cantastorie vagabonda, antropologa dei media e camminatrice seriale.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: